I lavoratori della Centrale del Latte di Genova questa mattina hanno manifestato fuori dal Consiglio Regionale. Era il giorno della riunione fra i vertici di Parmalat-Lactalis, il presidente della Regione Claudio Burlando, l’assessore Enrico Vesco e il sindaco Marco Doria. Un incontro interlocutorio che lascia ancora senza certezze le quasi duecento persone coinvolte, più o meno direttamente, nella chiusura della Latte Oro.

Le istituzioni liguri hanno ribadito il proprio no alla trasformazione dell’area industriale in una zona commerciale: per il territorio è fondamentale che quelle strutture continuino a produrre e a dare lavoro. Al momento la chiusura dell’azienda ha lasciato a casa sessanta lavoratori, di cui solo una ventina verrà probabilmente reimpiegata in una cooperativa esterna. Per gli altri è partita la cassa integrazione che verrà seguita dalla mobilità e da un futuro incerto.

Parmalat, da parte sua, si è detta disponibile a prendere in considerazione eventuali proposte di altre imprese che volessero acquistare l’area della ex Centrale di Fegino.
Nelle scorse settimane, però, le varie ipotesi di cordate interessate all’investimento non si sono concretizzate. Le istituzioni dovranno impegnarsi per mantenere in vita lo stabilimento, chiuso non perché fosse in perdita ma per scelte legate a necessità lontane da Genova.

Anche perché, oltre ai lavoratori della Centrale, bisogna tenere conto delle difficoltà che la chiusura della Latte Oro porterà a tutto il settore agricolo della zona. La Cooperativa dei produttori della Valpolcevera, infatti, vendeva almeno l’80% del suo latte allo stabilimento di Fegino. Ora più di trenta aziende e famiglie subiranno un grave danno.

Bisogna quindi dare loro risposte concrete il prima possibile. La Centrale del Latte è importante per tutto il territorio. Come c’era scritto su uno striscione esposto questa mattina davanti al Consiglio Regionale, le 195 persone colpite dalla chiusura dello stabilimento “per l’azienda sono cifre, per Genova sono famiglie”.

Pubblicato il 09/10/12