Di seguito una dichiarazione congiunta mia, di Alessandro Benzi (Fds) e Matteo Rossi (Sel) in merito al caso Fusco.

Le notizie che stanno emergendo – anche nella nostra Regione – di eccessiva “familiarità” tra ambienti della politica e imprenditori coinvolti in inchieste giudiziarie sono allarmanti e necessitano di un immediato chiarimento politico.

Ci auguriamo tempi rapidi di indagini e restiamo garantisti e convinti che l’avviso di garanzia non debba diventare strumento politico. Tuttavia in questa difficile stagione, interessata da gravi vicende giudiziarie, ci vorrebbe maggiore prudenza da parte di chi ricopre ruoli di governo così importanti; a prescindere dalla rilevanza penale dei fatti, la gestione del nostro fragile territorio non deve dare adito a nessun sospetto di intrecci tra politica ed affari.

Dagli atti conclusivi della procedura di gara per i lavori di ricostruzione del ponte sul fiume Magra e dagli elementi che si stanno manifestando emergono comunque un utilizzo delle risorse fatto nell’interesse della cosa pubblica e la condotta rigorosa del commissario straordinario per gli eventi alluvionali (Burlando ndr), al quale ribadiamo la nostra più ampia fiducia.

Pubblicato il 30/10/12