“Il grande successo dello sciopero unitario di oggi dei lavoratori di Fincantieri di Riva Trigoso dimostra che le persone si stanno riappropriando della capacità di difendere unitariamente il diritto a tutelare il proprio posto di lavoro”. Questo il commento del segretario generale della Fiom, Maurizio Landini al termine della manifestazione.
“È inaccettabile – ha spiegato – che un’azienda pubblica, uscita dalla grave crisi in cui versava grazie alla lotta e ai sacrifici dei lavoratori, oggi scelga la strada della riduzione dei diritti e del salario. Come Fiom, abbiamo appena fatto partire le richieste di audizione alle Commissioni Industria e Lavoro di Camera e Senato sul futuro industriale di Fincantieri”.
“Abbiamo inoltre chiesto un incontro al ministero dell’Interno sulla questione degli appalti e della legalità all’interno dei cantieri. Infine abbiamo chiesto al ministero della Difesa di incontrarci per disinnescare il tentativo di ricatto di Fincantieri di spostare le produzioni delle navi”, ha quindi concluso Landini.

Pubblicato il 3/4/2015