L a sanità italiana è allo stremo per i tagli del governo. Eppure c’è chi anche in un periodo così difficile riceve premi e inspiegabili aumenti di stipendio.
Come la dirigenza dell’Ospedale Galliera che ha deciso di aggiungere un totale di circa 65mila euro nella busta paga del direttore generale Adriano Lagostena, del direttore sanitario Roberto Tramalloni e di Luciano Grasso, responsabile amministrativo.

In pratica un aumento del 20% della retribuzione. Il premio è stato deciso con una delibera del 6 luglio scorso, in cui si afferma che tutti gli obbiettivi gestionali per il 2011 sono stati raggiungi, per cui i vertici aziendali meritano il massimo degli emolumenti.

Ma stiamo parlando di obbiettivi poco chiari e difficilmente misurabili oltre che, in alcuni casi, palesemente disattesi.
Nel documento, ad esempio, si cita il raggiungimento del pareggio di bilancio, nonostante il buco di sette milioni di euro ripianato solo grazie all’intervento della Regione Liguria.

La delibera parla anche della realizzazione del Nuovo Galliera, altro obbiettivo non completato dal momento che il progetto è fermo perché il piano economico finanziario non rispetta la normativa per l’ottenimento del mutuo, e anche la Regione ha congelato i fondi messi a disposizione.

Il ricco aumento di stipendio è ancora più assurdo se rapportato a un’altra recente decisione dell’ospedale.
Viste le ferie estive di parte del personale, infatti, il Galliera terrà chiuso il reparto di geriatria dal 22 giugno al 30 settembre, spostando solo alcuni letti in altre parti della struttura. L’idea è rischiosa, anche perché attuata nei mesi più caldi dell’anno, proprio quando le persone anziane hanno da sempre maggior necessità di aiuto e cure.

I soldi ci sono quindi per aumentare gli introiti dirigenziali ma non per garantire un servizio essenziale ai cittadini. Anche l’assessore Claudio Montaldo dovrà rispendere di questo al Consiglio regionale: la salute è un diritto, non può essere considerato un servizio opzionale, subordinato al guadagno privato.

Pubblicato il 28/07/12

Tags: , ,

Fincantieri in piazza contro disdetta dell’integrativo

Doppia protesta dei lavoratori stamane a Genova, da una parte Fincantieri, per dire no alla disdetta del contratto integrativo da […]

Piaggio Aero, “La politica si svegli e faccia rispettare l’accordo”

“Siamo al grottesco”. E’ lapidario il commento di Giacomo Conti sulla vicenda della Piaggio Aero dopo che si è scoperto […]

Fincantieri, il Tribunale dispone il reintegro dell’operaio licenziato

E’ stato reintegrato sul posto di lavoro l’operaio di Fincantieri di Sestri Ponente che il 7 novembre scorso era stato […]

Fincantieri, Landini: “Riva Trigoso, vertenza di carattere nazionale”

“Il grande successo dello sciopero unitario di oggi dei lavoratori di Fincantieri di Riva Trigoso dimostra che le persone si […]

[fblike style="button_count" float="right" showfaces="false" width="450" verb="like" font="arial"] [twitter style="horizontal" float="right"]